E tu vuoi essere una Vittima o un Leader?

I risultati del tuo business dipendono da te, e dal modo in cui decidi di affrontare situazioni difficili e impreviste. Se ti chiudi nella mentalità della vittima o affronti le situazioni come un leader che si assume la responsabilità delle conseguenze...

Voglio condividere con voi una riflessione che mi ha toccato parecchio,  ieri ho fatto una bella nevicata, e mentre stavo scendendo verso la pianura, ho trovato in una curva della strada una macchina ferma, una persona molto agitata, tanto che ho accostato guardando dietro che non arrivasse nessuno, mi sono fermato e ho chiesto come stesse questa persona, era evidentemente agitata, e imprecava “Ma perché la neve…” era veramente, veramente agitata e guardando la macchina ho visto che di fatto  non riusciva più a uscire perché le ruote stavano slittando tra la neve ovviamente il fango che aveva cominciato a muovere sotto.

Mi sono fermato a parlare più che altro per calmarla, e mi hanno colpito molto le cose che mi stava dicendo, stava incolpando la neve perché era finita fuori strada  stava incolpando il comune che non aveva sparso il sale sulla strada, e questa era la ragione per la quale era andata fuori strada, stava prendendosela con ogni cosa, io la guardavo, l’ho calmata un istante, l’ho aiutata, ho agganciato la macchina, l’ho tirata fuori,  ci siamo salutati e ognuno si è rimesso a fare le sue cose.

Ed è stato buffo perché poi poco più avanti sulla strada c’era una salita e c’era una fila di macchine ferme, completamente ferme che non riuscivano a salire sulla salita, e io li ho sorpassati tutti quanti, stavano tutti bene, di fatto erano fermi perché non riuscivano a salire, ed era incredibile perché così come la macchina di prima, anche tutte le macchine che erano ferme in colonna qua, erano ferme perché non avevano le gomme da neve, e mi ha fatto riflettere molto questa cosa, vi dico veramente ci ho pensato tutto il giorno e vorrei condividere una riflessione con voi.

Perché questa neve poi, questa nevicata mi ha fatto molto pensare alla situazione di tutta questa pandemia, il Covid e tutto il resto, ma non tanto sulla pandemia e il Covid, quanto piuttosto sugli effetti di questa situazione, e ancora una volta è risultato estremamente evidente come se sei attrezzato nel modo giusto se ti attrezzi nel modo giusto, puoi muoverti, puoi continuare ad andare avanti.

Ora io ho le gomme da neve, è chiaro che non posso andare su una strada sulla quale c’erano dieci centimetri di neve alla stessa velocità alla quale posso andare su quella strada se la strada è asciutta.

Ma è sicuro che se non ho le gomme da neve se non ho l’attrezzatura che mi occorre, la dotazione più che attrezzatura, la dotazione chi mi occorre rimango fermo al palo, e tutti gli altri vanno avanti seppur più lentamente, però vanno avanti.
E quando ti trovi in una situazione del genere mi ha fatto sorridere il comportamento di questa persona ed è questo il grande, stimolo che vi vorrei dare con questo video.

Questa persona era entrata totalmente in modalità vittima.
“Le cose che mi accadono sono per colpa degli altri, per colpa della neve, per colpa del comune”, per l’amor di Dio se il comune avesse sparso il sale probabilmente non ci sarebbe stata la neve così attaccata, comunque non è che il sale annulla la neve o la fa scomparire, ovviamente se non avesse nevicato non sarebbe uscito fuori di strada, ma quando una persona entra nel ruolo della vittima perde completamente la sua capacità di applicare il suo potere personale, di attingere alle sue risorse, di usare quello che ha per ottenere dei risultati diversi, e soprattutto quando una persona entra nel ruolo della vittima, smette di assumersi la responsabilità dei suoi risultati.

Sposta la responsabilità dei suoi risultati su qualcun altro, ecco quando questo accade voi perdete completamente il controllo del vostro business, il controllo della vostra vita, perché mentalmente quello che potete fare o non potete fare dipende da qualcun altro, fermo restando che non è colpa della neve se quella persona è uscita fuori strada, la neve è un fattore che mentre percorri la tua strada devi gestire, ma quella persona è uscita fuori strada perché non aveva le gomme da neve, e ha deciso lei di non montarle pur vivendo in montagna, non so per quale ragione, non so per quale motivo ma è buffo.

Io sono convinto che oggi i gommisti sono pieni imballati di gente che sta montando le gomme da neve, è un po come dire chiudi la stalla quando ormai i cavalli sono scappati.

E quella persona è finita fuori strada perché non aveva le gomme da neve, è lei che ha deciso di uscire di casa, magari non aveva alternativa, ma di fatto è lei che ha deciso di uscire non attrezzata, perché la neve non è che ti è comparsa, era evidente, si vedeva.
É lei che ha deciso con che velocità fare quella discesa, è lei che ha deciso come reagire quando ha frenato sicuramente, e ha sterzato, e la macchina ha cominciato a scivolare, invece magari di mollare il freno, di raddrizzare lo sterzo e di cominciare a vogare un pochettino per fare prendere la gomma e cercare di fare la curva lo stesso.

Magari ha pigiato ancora di più sul freno, ha sterzato ancora di più per accentuare poi quella scivolata che ha portato la macchina fuori di strada…

Le cose che ci accadono quando ti assumi la responsabilità del perché ti accadono, se sei in uno stato mentale completamente diverso, comincia a pensare alle soluzioni comincia ad organizzarsi…
Ok ho bruciato la macchina, sono uscito di strada, se è responsabilità mia ti assumi la responsabilità di tirarla fuori, tirarla fuori velocemente e di ripartire in un qualche modo con la macchina ammaccata, ma se resti nel ruolo della vittima stai lì a lamentarti, non fai nulla, infatti quella persona l’ho vista agitata perché stava imprecando contro l’universo.

Ok sfogati, 5 minuti, ma poi organizzati per metterti nelle condizioni di ripartire immediatamente assumendoci la responsabilità di quello che ti accade, nel bene e nel male.
Quando eserciti la tua leadership personale in questo modo sicuramente rimani permeabile agli eventi esterni, perché non può impedire che nevichi, ma puoi gestire in maniera completamente diversa gli effetti che una nevicata può avere.
Questa cacchio di pandemia non è una nevicata, è una tempesta!

Potete scegliere in ogni momento di viverla con il ruolo della vittima, o comunque con il ruolo della persona che si assume la responsabilità di quello che le accade nel bene e nel male, perché è sicuro che parte delle cose che stanno accadendo dipendono anche dalle scelte che avete fatto, delle scelte che non avete fatto in passato.

Si tratta semplicemente di prendere le cose con onestà intellettuale, so che qualcuno di voi si sente al fronte, so che qualcuno di voi si sente nella pancia nelle emozioni, assediato so che la situazione per qualcun altro è difficile perché magari a qualcuno a casa in quarantena, lo staff ridotto, per tutte le implicazioni di questa nevicata, ma il grande sprone che vi voglio dare perché in questo periodo servono dei capitani coraggiosi, dei capitani in valorosi, uscite, state fuori anche se il vostro cervello cerca di portarvi lì dentro perché è più comodo perché è più facile state lontani il più possibile dal ruolo della vittima, e tenetevi il più possibile all’interno del ruolo del leader personale che si assume le responsabilità delle conseguenze delle decisioni che ha preso di quelle che non ha preso di quello che gli è accaduto, e immediatamente con la testa pensa, progetta, organizza delle soluzioni per poter continuare a proseguire, anche se più lentamente perché ahi ahi…. non abbiamo scelto che venisse a nevicare.

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.